Esperto di Semalt: risolvere il problema degli auto-riferimenti in Google Analytics

A volte, il proprio dominio può apparire nel rapporto di Google Analytics come parte del traffico. È un problema che gli sviluppatori devono risolvere in quanto può causare problemi con la segnalazione e fornire dati inaffidabili. Se uno non elimina il problema di autoreferenziazione, può portare a dati distorti che possono comportare decisioni sbagliate per campagne di marketing. Oltre a ciò, diventa impossibile accreditare il canale di marketing che ha contribuito ad aumentare i tassi di conversione per il sito.

Nella maggior parte dei casi, il problema sorge a causa della mancata configurazione corretta di Google Analytics o dell'implementazione errata dell'estensione da parte del proprietario.

Jack Miller, Senior Customer Success Manager di Semalt , delinea qui i fattori causali e come correggerli. Inoltre, offre una soluzione analitica universale alla fine per ridurre il numero di auto-referral al sito.

Referenti

Il traffico di riferimento è la porzione di traffico che raggiunge un sito da un'altra fonte. Potrebbe essere sotto forma di un collegamento da un altro dominio. I link non dovrebbero avere caratteristiche della campagna, altrimenti verranno definiti spam di riferimento. A differenza dello spam, l'analitica rileva automaticamente da dove proviene lo spam e visualizza i nomi dei domini che lo generano.

1. Reindirizzamenti JavaScript

Le migrazioni dai siti Web sono più difficili di quanto la maggior parte della gente pensi. Per assicurarsi che uno copra tutto, adottare un approccio strutturato sarebbe la cosa più razionale da fare. I reindirizzamenti JavaScript sono comuni e spesso si traducono in auto-referral.

Come risolvere: invece di utilizzare JavaScript, i reindirizzamenti lato server funzionerebbero meglio. Si assicurano che il codice di monitoraggio universale venga caricato sul nuovo dominio e dovrebbero verificare che il problema non persista.

2. Pagine mancanti di un codice di monitoraggio

Quando le persone dimenticano di taggare le loro pagine, diventa difficile rintracciarle. Il risultato è che le persone trovano i loro domini nella pagina dei rapporti.

Correzione: assicurati sempre di includere un codice di monitoraggio su tutte le pagine di un sito. Se non si è sicuri dello stato del sito., Tag Inspector tornerà utile.

3. Pagine che eliminano i dati sui cookie

Il cookie Universal Analytics deve essere applicato quando si passa da una pagina all'altra. Se una pagina rilascia il cookie per qualche motivo, la sessione termina automaticamente. Di conseguenza, un nuovo cookie inizia a creare una nuova sessione. Bisogna assicurarsi che esaminino tutte le pagine di destinazione e apprendano dove inizia l'auto-referral usando lo strumento dimensione secondaria.

Correzione: consulta le pagine per sapere dove inizia il problema e perché lo fa. Una volta che lo sviluppatore conosce la causa del problema, diventa più facile indirizzarlo. Se la correzione è semplice, vai avanti e correggila. Se è difficile, si dovrebbe coinvolgere uno sviluppatore che deve essere ben consapevole dell'importanza di risolvere il problema e lasciarlo risolvere per conto.

4. Domini incrociati

Alcune aziende possono possedere diversi domini e talvolta hanno la necessità di collegare l'attività dei visitatori a molti di essi. Se fatto in modo efficace, dovrebbero assicurarsi che il cookie originale rimanga costante. Connettere tecnicamente questi domini è la strada da percorrere.

Correzione: assicurarsi che tutti i cookie rimangano costanti tra domini.

5. Mito del timeout della sessione

Quando una sessione scade dopo un determinato momento, inizia una nuova sessione. Si ritiene che crei nuovo traffico di dati.

Correzione: è possibile impostare un limite di tempo superiore per una sessione e vedere l'impatto che ha sugli auto-referral.

L'elenco di esclusione da referral è un'impostazione che consente di affrontare direttamente il problema dell'autoreferenziazione.

mass gmail